Si dimentica forse una donna del suo bambino, così da non commuoversi per il figlio delle sue viscere?…” E se questo figlio è addirittura gravemente ammalato, come sarà allora la sua compassione? La Santa Madre Chiesa, mentre odia il peccato e la malizia terribile che vi si può intravedere alla luce di Dio, ama ogni peccatore con la tenerezza di una madre. Con la Sapienza stessa del Padre conosce e penetra il modo in cui Dio lo ha creato e il perchè del suo esistere; per questo motivo, lo ama con lo stesso Spirito Santo e lo cerca affinchè non si perda eternamente. Le viscere misericordiose della Chiesa sono la stessa Misericordia di Dio.

Come ce lo presenta la Madre Trinidad in questo tema, in un modo così bello e così profondo!

 

8-6-1962

«Valore di un’anima»

 

Dio si è infinitamente felice, eternamente beato. Egli si è senza avere bisogno di niente né di nessuno, in tal modo che quello che Egli è, se lo è da sé stesso, avendo, per perfezione del suo essere, la sua stessa perfezione in tre Persone. […]

O Amore infinito, Felicità increata ed eterna, Padre così benevolmente Padre che, senza aver bisogno di noi per niente, si guarda in sé stesso, in ciò che Egli si è, nella sua ragione di essere, in ciò che lo fa essere Dio e, manifestandosi in volontà creatrice, si riproduce in modo finito in quelle creature razionali che vuole rendere «dèi per partecipazione» e «figlie sue»! e creandole in questo modo, le rende dei re, perché sono sorte come espressione umana della stessa regalità divina. […]

Nessuna cosa materiale è Dio per partecipazione; tutte lo esprimono, ma nessuna rispecchia in sé ciò che lo fa essere Dio, poiché non sono state create per partecipare della vita divina. […]

Oggi, leggendo queste frasi che si riferiscono ai nemici: «Con odio implacabile le detesto, sono i miei nemici dichiarati»,» tutta la mia anima ha emesso un grido, dicendo: «No!, come posso detestare chi è stato creato da Dio e chiamato per essere Lui per partecipazione…? L’anima creata per godere di Dio eternamente, per essere nel suo seno bacio d’amore, immagine e figlia dell’Altissimo, che sta in questo penoso stato di peccato e va verso la perdizione, la posso detestare? Quanti uomini stanno camminando verso il fine per il quale sono stati creati…?». […]

So anche che Tu vuoi salvarle tutte; per la tua gloria ci hai creato, per partecipare di Te e renderci beati. Ma, o terrore!, il peccato, che si oppone alla santità infinita della Maestà sovrana, è terribile, e la giustizia del nostro Padre Dio, infinita… […]

Vedo anime, capi di stato di nazioni straniere, completamente prese dal demonio, tramite le quali è il maligno che regge mezzo mondo… C’è da morire di pena piangendo per loro…!, perché non solo vanno per il cammino della perdizione, ma sono pietra di scandalo e rovina delle altre…

Che stato penoso quello di un’anima in peccato mortale…! e io posso ancora odiarle…? No!, le devo amare con tutto il mio cuore perché sono figli miei, figli del mio seno madre-Chiesa che, fuggendo dal gregge del Buon Pastore, si alimentano, come il figlio prodigo, del pasto dei maiali, lasciando l’alimento della Vita che la mia Santa Madre Chiesa ha nel suo seno…! […][…]

Odio il peccato, lo aborrisco e lo detesto con tutto il mio essere; ma il peccatore, perché è stato creato da Dio, fatto a sua immagine per partecipare di Lui e goderne, lo amo con tutta la mia anima. E tutta io, piena di compassione, gli grido: «Figlio, vieni alla Fonte della Vita, dove per mezzo dei Sacramenti ti sarà fatto partecipare del Dio vivente, uscendo così da quella morte in cui ti trovi, affinché tu sia felice qui e nell’Eternità, potendo dare a Dio la gloria che da te si aspettava…!». […]

Anima amata, chiunque tu sia, pensa che puoi perdere Dio per sempre, e se lo perdi, è per colpa tua… Su…!, torna da Lui, lanciati nelle braccia dell’Amore Infinito che gronda sangue per te…, soltanto per amor tuo…!

Qualche tempo fa, un giorno, trovandomi tra alcune persone per me in peccato mortale, sentii una voce interna che mi diceva, facendomi inclinare in perdono e compassione verso di loro: «Per loro ho effuso tutto il mio Sangue…». […]

Molte volte, vedendo la grandezza di Dio, ho compreso cosa deve essere un’anima, se l’Increato, la Felicità per essenza, incarnandosi, muore su una croce per salvarla. […]

Ho visto anche la differenza tra un’anima nel peccato e il demonio; sono completamente diversi. L’anima nel peccato fa compassione e il demonio ispira odio; il demonio non ha remissione, e l’anima, finché è sulla terra, può entrare in un cammino di salvezza. Bisogna amarle e salvarle in qualsiasi modo da questo penoso stato in cui si trovano…! […]

Come e quando potremo comprendere il grande beneficio del Sacramento della Penitenza, che lascia pulito chiunque vi si avvicina…! portento dell’amore di Dio nei confronti dell’uomo, che dà a quello stesso uomo la potestà di perdonare il peccato e rendere il peccatore figlio suo…! Dio sa cos’è un’anima e cos’è il Cielo; per questo offre, per salvarla, tutti i mezzi, a prezzo della sua stessa morte… […]

Non dobbiamo avere paura della bomba atomica, di quegli strumenti che uccidono il corpo e non possono fare del male all’anima… La paura sta nel fatto che tolgano le anime a Dio; anime create per Lui, per essere «dèi per partecipazione» e «figli suoi», che possono perderlo per sempre…! […]

Tu, per una grazia speciale, sicuramente ti salverai, ma che cosa sarà di tutte quelle anime figlie che ti sono state affidate…? Chi non ha nella sua famiglia qualcuno che sta per perdersi per sempre…? E hai ancora tempo per guardare te stesso…? «I figli delle tenebre sono più scaltri dei figli della luce…!». […]

Oh, se sapessimo cos’è un’anima in peccato…! Non abbiamo altri nemici che il demonio e il peccato. È come se tutte le anime ci stessero chiedendo: «Vediamo cosa fai…? Di che cosa ti occupi…?, ché io sto morendo e ho bisogno di te; non guardare te stesso!, vieni a salvarmi…!». […]

Dio mio, anime per la tua gloria, e la tua gloria per tutte le anime! Non ne rimanga nessuna senza sapere della tua gioia, affinché la tua gioia le renda tutte beate…! […]

Madre Trinidad de la Santa Madre Iglesia

Nota.- Per scaricare il tema completo clicca qui.